LIA Bergamo amplia la sua area credito

Da sempre in prima linea nel promuovere la crescita e la sicurezza per delle imprese, LIA Bergamo ha deciso di  ampliare la propria base di servizi legati al credito creando una nuova area che coinvolge il consorzio LIA Eurofidi.

Negli ultimi anni si è assistito ad un profondo mutamento dei principi valutativi per l’accesso al credito e nel ventaglio di strumenti a disposizione. Con la nuova Area Credito, LIA vuole incrementare la consapevolezza delle imprese, offrendo loro nel contempo servizi mirati a sfruttare al massimo le opportunità che il settore offre.

L’obiettivo di fondo è quello di promuovere un rinnovato rapporto con la gestione finanziaria, coerente con le necessità esistenti – ancor di più in un momento di particolare difficoltà.

Nuovi servizi e opportunità

Con la nuova Area Credito, LIA vuole puntare l’attenzione sulla necessità di una corretta gestione e analisi finanziaria, e fornire anche gli strumenti per raggiungere l’obiettivo. L’Area Credito di LIA offrirà servizi di consulenza e formazione specifiche, ma anche opportunità dirette di accesso al credito e gestione bandi. Tutto questo, senza dimenticare le funzioni “originarie” relative alla garanzia fidi, settore in cui LIA Eurofidi vanta un’esperienza pluriennale che assicura serietà e competenza.

La pianificazione della gestione finanziaria è diventata una necessità pimaria per le imprese italiane, che troppo spesso si occupano della propria posizione solo nel momento del bisogno quando, per definizione, si trovano in uno stato di “debolezza”. Non solo. Nonostante la presenza di nuove opportunità, come ad esempio quelle relative alla finanza agevolate, molte imprese non sono in grado di cogliere delle occasioni esistenti perché semplicemente… non conosciute.

Trasferte UE durante il lockdown Covid fine 2020

La situazione relativa al virus Covid-19 è tornata ad essere grave in tutta Europa e nel mondo, ma le imprese manifatturiere italiane hanno bisogno di restare operative per tenersi a galla e tentare di recuperare il terreno perso nel primo lockdown. Ma non si tratta solo di un problema di forniture o spedizioni. Le trasferte oltreconfine in questo periodo restano molto richieste, perché manutenzioni, riparazioni, test e installazioni non possono più essere rinviati.

Per questo, su TradeCube.it, portale partner di LIA Bergamo per l’internazionalizzazione, abbiamo pubblicato una guida in quattro parti su come affrontare gli aspetti relativi ai viaggi nell’area UE/Schenghen.

La guida si articola su quattro capitoli, che possono essere visitati cliccando sui link a seguire:

Da LIA Bergamo formazione obbligatoria in materia di Fonti Energia Rinnovabile

Due nuovi corsi FER sono in partenza da LIA Bergamo per coloro che si occupano dell’attività di installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili. I corsi, che verranno svolti in webinar, sono OBBLIGATORI e da effettuarsi ogni tre anni, in base alla Delibera Regione Lombardia X/7143 del 2 ottobre 2017

Installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili:

💧Settore Termoidraulica💧
Pompe di calore, solare termico,biomassa legnosa 
In partenza martedì 24 novembre 2020 alle 16:00. Totale 16 ore – 4 lezioni
Scarica il programma e iscriviti

⚡️Settore Elettricità⚡️
Solare fotovoltaico 
In partenza mercoledì 2 dicembre 2020 alle 16:00. Totale 16 ore – 4 lezioni
Scarica il programma e iscriviti

LIA Bergamo conferma la formazione in presenza nel rispetto DPCM 3/11

La Formazione di LIA Bergamo continua, quando necessario, anche in presenza. Come emerge dalla lettera dell’ultimo DPCM per il contenimento del Covid-19, non sono previste limitazioni rispetto alla possibilità di spostamenti per “comprovate esigenze lavorative”, tra le quali rientra anche la formazione professionale e in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Il Decreto del 03/11/2020 enuncia infatti che “Sono consentiti i corsi di formazione da effettuarsi in materia di salute e sicurezza, a condizione che siano rispettate le misure di cui al «Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione» pubblicato dall’INAIL.

Sono da ritenersi confermati tutti i corsi in materia di salute e sicurezza che prevedono la possibilità della modalità in aula.

Per la compilazione dell’autocertificazione, si deve far riferimento alla motivazione numero 3: “Altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio.”

Nuove misure di contenimento virus Covid-19 D.P.C.M. 3/11/2020

Il giorno venerdì 6 novembre 2020 entrerà in vigore il nuovo DPCM che prevede ulteriori restrizioni a livello regionale:

  • AREA GIALLA  Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Molise, Marche, Provincia di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria e Veneto.
  • AREA ARANCIONE  Puglia e Sicilia.
  • AREA ROSSA Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta.

L’ordinanza del Ministero della Salute che individua le varie aree sarà valida per 15 giorni. 

Siamo in attesa di eventuali chiarimenti e ordinanze regionali, nel frattempo precisiamo che:

  • Le attività produttive, commerciali non al dettaglio e professionali proseguono normalmente, fatta salva la scrupolosa applicazione dei protocolli anticontagio 
  • Gli spostamenti per comprovate ragioni di lavoro sono sempre consentiti 

 

Restrizioni alla mobilità
La mobilità tra regioni, comuni o nell’ambito dello stesso comune (per le zone rosse) è sempre consentita per comprovate ragioni di lavoro, con autocertificazione.
E’ opportuno:
  • Rilasciare ai lavoratori documentazione attestante le esigenze lavorative e la sussistenza del rapporto di lavoro, soprattutto durante l’effettuazione delle trasferte
  • Soprattutto nelle zone rosse evitare le trasferte non indispensabili in modo particolare se comportano lo spostamento tra più regioni
Attualmente sul sito del Ministero Interni si trova il seguente modulo di autodichiarazione
https://www.interno.gov.it/sites/default/files/2020-10/modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf
Limitazione servizi di ristorazione  
Le chiusure (zona rossa) o limitazioni dei servizi di ristorazione (escluse le mense) potrebbero avere riflessi sui lavoratori: potrebbe essere necessario introdurre modifiche organizzative come prevedere una maggior flessibilità nella pausa pranzo o consentire la consumazione del pasto in azienda.
Movimenti da e per l’estero 
Non cambia nulla per quanto riguarda divieti, obblighi di quarantena e tamponi all’ingresso in Italia.
La situazione oltreconfine è estremamente variabile e confusa, e può cambiare di ora in ora anche in relazione a singole città, regioni o località di transito: prima di partire è indispensabile consultare il sito www.viaggiaresicuri.it e contattare consolati ed autorità locali per conoscere con precisione eventuali restrizioni ed obblighi.
Pagina 1 di 108
1234108